Roma, 20 giugno 2000.

Comunicato Stampa

FIRENZE/I.C.I. : QUALE LEGALITA', QUALE AUTONOMIA?

Quello che sta succedendo a Firenze su uno specifico problema fiscale ha una valenza negativa di portata nazionale, perchŔ si qualifica come una vera e propria iniziativa separatista, avvallata da un sindaco, Leonardo Domenici, che Ŕ anche presidente nazionale dell'ANCI.
Ci pare di capire che Leonardo Domenici, abbia consentito al suo assessore alle finanze di dichiarare, a proposito di una applicazione dell'ICI sulle "pertinenze" alla abitazione principale, difforme rispetto alle norme nazionali che le associano a tale abitazione, che il Comune di Firenze lo pu˛ fare "in riferimento al decreto legislativo 496/97 in cui viene sancita l'autonomia dei comuni in materia di regolamentazione tributaria".

E' una argomentazione molto grave. E infatti l'autonomia fiscale dei Comuni sull'ICI si pu˛ esercitare solo dentro i limiti di un campo di variabilitÓ predeterminato.

Ad esempio sarebbe illegale (anche se l'Unione Inquilini lo auspicherebbe) colpire gli alloggi sfitti con una imposizione ICI "superiore" al 9 per mille, nÚ sarebbero consentiti dei parametri di calcolo per l'ICI diversi dalla rendita catastale (ancora non si parla di valore di mercato!) e via dicendo.

Esprimo un forte allarme per il fatto e faccio appello alle componenti politiche che hanno cara la legalitÓ di intervenire prima che tale situazione eserciti un effetto contagio.

Il segretario nazionale

Vincenzo Simoni


Indice Comunicati