Back

Indice Comunicati

Home Page

UNIONE INQUILINI
Segreteria Nazionale
Roma,Via Cavour 101, Tel. 06/4745711 - fax 06/4882374
e-mail: unioneinquilini@virgilio.it – www. unioneinquilini.it

23 maggio 2005

COMUNICATO STAMPA

 

CASA/SFRATTI: “IL VICE MINISTRO MARTINAT SUL NUMERO DEGLI SFRATTI MENTE ED E’ SCONFESSATO DAI MINISTERI DELL’INTERNO E DI GRAZIA E GIUSTIZIA, IL PARLAMENTO DEVE MODIFICARE IL DECRETO LA PROROGA DEGLI SFRATTI DEVE ESSERE PER TUTTI I COMUNI AD ALTA TENSIONE ABITATIVA, PER I CAPOLUOGHI DI PROVINCIA E PER I COMUNI CONFINANTI” DICHIARAZIONE DI MASSIMO PASQUINI, SEGRETERIA NAZIONALE UNIONE INQUILINI.

 

Il Vice Ministro Martinat sul numero degli sfratti mente. Lo possiamo dimostrare diffondendo alcuni dati forniti proprio dal Governo e precisamente dai Ministeri dell’interno e di grazia e giustizia, Appare ridicolo che il Vice Ministro Martinat prenda per buoni i dati relativi alle dichiarazioni irrevocabili previste dalla legge 269/2004 relativa all’ultimo differimento in quanto questa è stata un vero fallimento visto che il risultato è stato di 20 contratti sottoscritti in tutta Italia. Ma andiamo con ordine. Gli ultimi dati ufficiali disponibili sono relativi al 2003. Prendiamo come riferimento il rapporto tra le sentenze emesse nel (solo) 2003 e le famiglie residenti nelle seguenti province:

 

Anno 2003 nuove sentenze di sfratto emesse        rapporto sfratto/ famiglie residenti nella provincia

Roma       4087                                                                                                           347,5

Napoli      2412                                                                                                           392.4

Firenze     1082                                                                                                           350,6

Torino      1160                                                                                                           782,0

Milano      2310                                                                                                          648,5

Venezia        95                                                                                                         3246,5

Genova       960                                                                                                           411,6

Bologna    1071                                                                                                           372,7

Bari            947                                                                                                            548,2

Palermo    1533                                                                                                           270,2

Messina      395                                                                                                           616,2

Catania       643                                                                                                           572,6

Cagliari      121                                                                                                         2177,6

Trieste       435                                                                                                            263,4

Ripetiamo si tratta solo delle sentenze di sfratto emesse nel solo 2003. Se solo il 10% di queste riguardassero anziani e portatori di handicap siamo ben oltre le cifre totali fornite dal Ministro Martinat. Appare, altresì evidente come sia ridicola la soglia dei 400 sfratti “inventata” dal vice ministro in quanto basata su dati fittizi senza alcun collegamento con la realtà.

L’Unione Inquilini rivolge un appello al Parlamento affinché modifichi sostanzialmente il decreto legge, estendendo il blocco degli sfratti per tutte le aree ad alta tensione abitativa, per i capoluoghi di provincia e i comuni confinanti. Ma questo  non basta se non viene accompagnato dall’avvio di un piano nazionale per la costruzione e il recupero di almeno 200.000 case popolari in Italia. L’Italia deve essere territorio libero dagli sfratti e con queste proposte parteciperemo il 25 maggio alla manifestazione promossa dall’Anci a Roma in Campidoglio

 

 



Top

Indice Comunicati

Home Page