Back

Indice Comunicati

Home Page

Comunicato stampa

Comunicato stampa

 

Il giorno 31/01/2006 il Comitato Inquilini Gallo Carmela, degli stabili Ice Snei di Fuorigrotta di via Lepanto 53, 83 e via Veniero 17 ha presidiato il portone del civico 53 per opporsi all’ennesimo tentativo di sfratto. Al presidio hanno partecipato anche delegazioni di lavoratori del Sindacato Lavoratori in Lotta , lavoratori dell’LTR, delegazione dell’RdB, il Comitato Flegreo e il  presidente della Circoscrizione Clelia Modesti.

All’arrivo dell’ufficiale giudiziario, la situazione si è fatta tesa, era presente anche l’avvocato della Ice Snei, la dott.ssa Orditura, la quale non ha accettato di dare un ulteriore proroga per l’esecuzione, richiedendo l’uso della forza pubblica per eseguire lo sfratto. Recatasi in questura ha ricevuto risposta negativa da parte della polizia, che ha dichiarato di non avere disponibilità di mezzi. Nel frattempo i manifestanti hanno occupato la strada antistante il palazzo, e al ritorno dalla questura, gli avvocati e l’ufficiale giudiziario, si sono trovati costretti ad accettare la proroga al 21 Febbraio. Successivamente i manifestanti si sono recati in corteo presso la facoltà di Ingegneria di Piazzale Tecchio, dove era in atto una manifestazione contro la privatizzazione dell’acqua con la presenza di Beppe Grillo e Padre Zanotelli. Gli inquilini sono intervenuti, sensibilizzando la platea, molti sono stati i consensi e la solidarietà ricevuta, in particolare dai due personaggi + illustri, che si sono detti disponibili a sostenere la nostra battaglia.

Tutto quello accaduto oggi, per noi è gravissimo e va condannato in pieno. Teniamo a denunciare in primo luogo il fatto che il giorno 24 gennaio, dopo varie sensibilizzazioni alla prefettura, veniamo a conoscenza che è stato instaurato un tavolo di trattativa, tra Ice Snei, Prefettura e Comune, senza che noi venissimo però interpellati. L’Assessore al patrimonio del comune di Napoli Balzamo, ci aveva confermato che in quell’ incontro la società immobiliare si era detta disponibile ad analizzare la situazione e a confrontarsi. Lo stesso Assessore si era reso disponibile a fissare l’ennesimo appuntamento per la trattativa, coinvolgendo anche noi, ma a 7 giorni da quella data, ecco che tornano all’attacco ufficiali giudiziari e intimidazioni. Inoltre  condanniamo l’uso strumentale del decreto emanato dal governo sulla proroga degli sfratti, un decreto fantasma, firmato ma di cui non si conosce la sostanza, ma soprattutto la data in cui diventerà esecutivo. Siamo stanchi di essere presi in giro, la casa è un diritto, non è una merce di scambio, né tanto meno uno slogan elettorale. Mentre i tribunali di  Roma dichiarano legittimo requisire  le case sfitte per far fronte all’esigenza abitativa, qui a Napoli sembra che il problema non esiste, soltanto silenzio. Siamo stufi di aspettare vogliamo risposte concrete, ma soprattutto soluzioni concrete, e a chi tenta di reprimere la difesa di un diritto come quello della casa, risponderemo resistendo. Noi rivendichiamo un diritto fondamentale come sancito dall’ Art. 2 Costituzione Italiana che  recita così : “ La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo, sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”, inoltre denunciamo a gran voce l’inadempienza del governo italiano che non rispetta neanche l’articolo 41 della carta dei diritti internazionale, ovvero garantire lo sfratto da  casa in casa.  Concludiamo affermando che siamo decisi a non arrenderci e determinati a difendere questo nostro diritto inviolabile.

 

Napoli 31/01/2006

 

 

COMITATO INQUILINI GALLO CARMELA.

 


Top

Indice Comunicati

Home Page