Back

Indice Comunicati

Home Page

Prot. n. Monterotondo, lì

 

 

PROTOCOLLO D’INTESA

 

 

 

In data 26 gennaio 2006 presso il Palazzo Comunale sono presenti gli Assessori Patrimonio ed alla Casa  Fabrizio Maccari e Walter Antonini in rappresentanza del Comune di Monterotondo ed i sigg. Massimo Pasquini e Giuseppe Deli rispettivamente Segretario Regionale e Segretario di Monterotondo dell’Unione Inquilini che :

 

tenuto conto delle problematiche relative al recupero di morosità a titolo di oneri accessori afferenti il periodo 2002/2005 in relazione ai quali è assai consistente l’emergenza di contestazioni dell’inquilinato, con particolare riferimento alle spese di spurgo fognario, di manutenzione degli ascensori e degli impianti di sollevamento acqua;

 

considerato che le OO.SS rappresentanti gli inquilini hanno da sempre evidenziato la necessità di una attenta verifica della correttezza della determinazione degli oneri accessori, alla luce della disponibilità della documentazione giustificativa delle spese che li hanno generati, ed hanno fortemente sollecitato un tavolo di confronto al fine di esaminare in via generale ed avviare a soluzione il tema della verifica della effettiva esigibilità delle somme addebitate dagli uffici a tale titolo;

 

considerato che, con la finalità di dirimere l’’annosa questione, si è concordato di individuare con precisione quali siano gli oneri a carico dell’inquilinato, del corretto e condiviso addebito degli importi comunque effettivamente esigibili

 

 

convengono quanto segue :

 

·       per il calcolo dei redditi, cogliendo le finalità del legislatore in merito al sistema di calcolo dei redditi dei figli così come stabilito dalla Lege Regionale 33/87, l’abbattimento del 30% o 50 % viene considerato sia al fine di inserimento nella fascia di reddito, sia    nella sommatoria del reddito convenzionale familiare complessivo.

 

 

·        per la gestione degli stabili ERP esistenti nel Comune di Monterotondo

a.      le spese di spurgo fognario per i fabbricati di Via Tamigi e Via Volga non debbano essere addebitate agli inquilini fino a che permangono le attuali inefficienze strutturali del sistema fognario, ristabilendo con ciò la precedente situazione di esonero dal pagamento stabilita sin dall’anno 1992;

b.     di considerare “manutenzione straordinaria” il cambio delle corde degli ascensori poiché esse sono, al pari di altri particolari dell’impianto (es. cabina, motori, quadro elettrico) elemento fondamentale del sistema di sollevamento  e non elemento accessoriale;

c.      per gli impianti di sollevamento acqua  si chiarisce che si intendono per spese ordinarie esclusivamente quelle sostenute per le riparazioni degli elementi degli impianti stessi  mentre si intendono spese straordinarie quelle sostenute per la loro  sostituzioni ;

d.      per i fabbricati di Via Tamigi e Via Volga i lavori di ristrutturazione delle palazzine 9a/b, appaltati all’Impresa Petrucci Domenico, dovranno essere ultimati entro il 16 agosto 2006. Sarà cura dell’amministrazione sollecitare l’impresa affichè vengano rispettati gli impegni contrattuali; 

e.il rifacimento degli impianti fognari dei fabbricati di Via Tamigi e Via Volga avrà inizio dopo il parere di ACEA ATO2 S.p.A. , già richiesto in data 29 luglio 2005 che sarà cura del Comune di Monterotondo sollecitare nei prossimi giorni ;

f.  per i fabbricati di Via Tamigi e Via Volga ai civici 12 a e b l’Amministrazione ha incaricato la ditta Montanucci di procedere alla prova di tenuta degli impianti di adduzione del gas degli alloggi, provvedendo inoltre alla sistemazione e riparazione di quelli difettosi. La stessa ditta è stata incaricata anche di eseguire i lavori relativi alla evacuazione dei fumi di scarico delle caldaie e delle cucine;

g.      i lavori di manutenzione straordinaria saranno effettuati da questa Amministrazione in base alle richieste, compatibilmente con le risorse disponibili.

 

Si conviene inoltre che:

 

·        Al fine di un reale e possibile recupero delle morosità effettivamente stabilite in base al presente accordo, quindi dopo il necessario ricalcolo degli affitti  e degli addebiti dovuti per spese accessorie, il recupero delle morosità possa essere effettuato tramite rateizzazione del debito; tale rateizzazione potrà essere contrattata dall’inquilino assegnatario o per sua delega dalle OO.SS Il periodo di rateizzazione non potrà comunque superare 5 anni a partire dal giorno della firma dell’accettazione del pagamento.

·        l’Amm. Comunale a garanzia dell’effettivo recupero delle somme, procederà alla messa a ruolo dei bollettini di pagamento rateizzato.

·        l’Amministrazione Comunale non procederà al recupero delle somme dovute dalle famiglie dichiarate indigenti dall’Ufficio Servizi Sociali qualora queste volessero essere esentate dal pagamento delle morosità

·        per i fabbricati di Via Tamigi e Via Volga  il recupero delle somme indebitamente pagate, considerato che molti inquilini assegnatari hanno sospeso il pagamento dei bollettini del 2005 sia per le spese accessorie che per i canoni d’affitto 2002/2005, considerato che coloro che hanno comunque pagato tali addebiti, dovranno essere rimborsati, si stabilisce di avviare immediatamente un tavolo tecnico per la revisione delle somme addebitate e per stabilire le modalità di pagamento degli effettivi addebiti.

 

 

Per  l’Unione Inquilini                                            per il Comune di Monterotondo

 

Segretario Regionale                                                Ass. al Patrimonio

Massimo Pasquini                                                     Fabrizio Maccari

 

Segretario Monterotondo                                         Ass. Politiche della Casa       

Giuseppe Deli                                                            Walter Antonini                                                                                                                           

 

 


Top

Indice Comunicati

Home Page