Back

Indice Comunicati

Home Page

CASA: UNIONE INQUILINI, SERVE NUOVA POLITICA ABITATIVA SIMONI, SGRAVI FISCALI SERVONO A POCO,70% SFRATTI PER MOROSITA'

CASA: UNIONE INQUILINI, SERVE NUOVA POLITICA ABITATIVA SIMONI, SGRAVI FISCALI SERVONO A POCO,70% SFRATTI PER MOROSITA'

 

ROMA, 14 apr - Una nuova politica abitativa a  sostegno delle fasce deboli. E' la richiesta avanzata al nuovo  governo da parte dell'Unione Inquilini, secondo la quale servono diverse misure a sostegno delle famiglie meno abbienti. In particolare, l'Unione Inquilini propone: uno stanziamento di 1 miliardo di euro per il fondo al sostegno all'affitto; forti riduzioni delle tariffe per fasce sociali delle bollette di acqua, gas e luce; blocco degli sfratti per almeno 5 anni della grande proprietà e di almeno 2 anni per il resto delle locazioni salvo quelle per necessità accertata; nessuna  revisione degli estimi catastali senza l'abrogazione dell'Ici  sulla prima casa; revisione della legge 431/98 con l'abrogazione del canale a libero mercato; avvio di un piano straordinario di edilizia residenziale pubblica per il recupero, l'acquisto e la costruzione di almeno 500.000 nuovi alloggi; garanzia del passaggio da casa a casa per gli sfrattati. L'Unione Inquilini propone anche un forum nazionale sulle politiche abitative, al quale partecipino sindacati, movimenti, associazioni di volontariato, enti locali, regioni, e gestori di edilizia pubblica per determinare, a partire dal Documento di programmazione economica, una vera politica abitativa. Un qualsiasi sgravio fiscale serve a poco - dichiara Vincenzo Simoni, Segretario Nazionale dell'Unione Inquilini -  servono case in affitto a canone sociale e calmierato, salari e pensioni più alte e sostanziosi sostegni finanziari. La situazione può essere rappresentata dalle 600.000 famiglie in Italia che sono collocate utilmente nelle graduatorie per l'accesso alle case popolari e dal fatto che il 70% delle sentenze di sfratto sono per morosità. Famiglie con redditi medi non possono neanche partecipare, per reddito, ai bandi di edilizia pubblica.

 

CASA: SUNIA, PRODI RIDUCA SUBITO PESO AFFITTI SU REDDITI GOVERNO SI INSEDI IN FRETTA E AFFRONTI EMERGENZE ALLOGGI

 

ROMA, 14 apr - Al Governo Prodi chiediamo un immediato intervento per ridurre il peso degli affitti sul reddito della famiglia ed avviare da subito una forte iniziativa contro l'evasione fiscale nel settore immobiliare. A chiederlo e' la direzione nazionale del Sunia, che auspica un veloce insediamento del nuovo Governo per affrontare i problemi drammatici che assillano il Paese, primo fra tutti quello della casa. Ricordando che anche in sede di campagna elettorale quello  della casa e' stato un tema centrale, il Sunia ritiene che già  in sede di Dpef sia necessario impostare una nuova politica della casa che punti sulla riforma della legge sulle locazioni; su un piano per la realizzazione di 100 mila alloggi  a canone calmierato nei prossimi 5 anni; su una dotazione di 500 milioni di euro per il fondo di sostegno per l'affitto; su una forte iniziativa contro il mercato nero e l'evasione fiscale; e su misure per la realizzazione del passaggio da casa a casa delle famiglie sfrattate.

 

 

INFLAZIONE: CASA AL TOP AUMENTI, GAS +11% IN UN ANNO /SCHEDA A MARZO ACQUA +5%, RIFIUTI +6%; GIU' MEDICINE E CARNE DI POLLO

 

ROMA, 14 apr - E' la casa la vera croce degli  italiani in termini di spesa. A marzo i prezzi legati all'abitazione (e quindi soprattutto bollette e imposte) sono aumentati del 6,1% rispetto allo stesso mese dello scorso anno e dello 0,4% rispetto a febbraio. Le tasche si sono svuotate più che in passato soprattutto per la bolletta del riscaldamento: l'aumento congiunturale del gas, rileva l'Istat, e' stato dell'1% e quello annuale dell'11,3%; l'aumento dei combustibili liquidi (gasolio in primis) e' stato invece dello 0,7% rispetto a febbraio e dell'11% rispetto a marzo 2005. Ma a crescere sono state anche

le tariffe dell'acqua potabile (+5,3%) e della raccolta dei rifiuti (in pratica la Tarsu), aumentate del 6%. Tutte componenti su cui ha agito il caro-energia, le cui conseguenze si sono sentite anche sul capitolo trasporti (+0,4% l'aumento congiunturale, +3,5% quello tendenziale). Oltre agli ormai consueti aumenti dei carburanti, a marzo sono cresciuti in modo significativo anche i prezzi dei trasporti urbani (+3,8%). Oltre la media del 2,1%, anche le bevande alcoliche e tabacchi (+5,3%) e il capitolo istruzione, con un +3%. In controtendenza invece le comunicazioni (-3%) e i prezzi dei medicinali (-1,1% su marzo 2005). Tra i prezzi degli alimentari (cresciuti di un moderato +1%), anche a marzo si e' registrata la caduta libera del pollame, penalizzato dall'allarme aviaria (-7,5%).

Ecco una tabella con l'andamento congiunturale e tendenziale dei vari capitoli di spesa.

 

                                  var. cong.        var. tend

---------------------------------------------------------------

Prodotti alimentari                       +0,2%             +1,0%

Alcolici e tabacchi                       +0,3%             +5,3%

Abbigliamento e calzature          +0,1%             +1,2%

Abitazione,acqua,elett,combust. +0,4%             +6,1%

Mobili e servizi per la casa        +0,1%             +1,6%

Servizi sanitari e salute              -0,2%             +0,8%

Trasporti                                   +0,4%             +3,5%

Comunicazioni                         -0,5%             -3,0%

Ricreazione,spettacoli,cultura +0,2%              +1,2%

Istruzione                                   0,0                 +3,0%

Servizi ricettivi e ristorazione +0,5%              +2,2%

Altri beni e servizi                  +0,2%              +2,3%

---------------------------------------------------------------

INDICE GENERALE           +0,2%               +2,1%

 

 

CASA: FIRENZE, BANDO PER SELEZIONARE BENEFICIARI PER 381 APPARTAMENTI NELL'AMBITO DEL PROGRAMMA SPERIMENTALE NAZIONALE ''20.000 ALLOGGI IN AFFITTO''

 

Firenze, 14 apr. - Nell'ambito del Programma  Sperimentale ''20.000 alloggi in affitto, definitivamente varato con la deliberazione del consiglio comunale 89 del 26 settembre 2005, il Comune di Firenze ha pubblicato il bando pubblico per selezionare, tra gli interessati, i soggetti che riceveranno in locazione gli  appartamenti che saranno realizzati dagli operatori privati che hanno sottoscritto apposite convenzioni con l' Amministrazione Comunale. Gli appartamenti saranno costruiti nei seguenti comparti: San  Lorenzo a Greve, via Empoli, La Sala, via di Quarto, via di Scandicci,via Arnoldi, via Allori. Complessivamente gli appartamenti saranno 381, delle seguenti dimensioni: 57 fino a 45 metri quadrati , 126 da 46 a 60 metri quadrati, 198 da 61 a 70 metri quadrati I lavori di costruzione devono iniziare non oltre il 13 giugno prossimo e concludersi entro venti mesi dal loro inizio, salvo cause di forza maggiore. E' pertanto ad oggi prevedibile che gli appartamenti saranno disponibili nei primi mesi del 2008. Gli appartamenti saranno concessi in locazione, ai sensi della legge 431/1998, secondo l'ordine di graduatoria, che costituirà diritto di precedenza per la scelta dell'alloggio, direttamente dagli operatori che realizzeranno gli interventi. Il canone di locazione sarà determinato sulla base dei parametri stabiliti nell'accordo territoriale stipulato tra le organizzazioni di categoria dei proprietari e degli inquilini. I valori a metro quadrato stabiliti in tale accordo saranno abbattuti del venticinque per cento. In pratica, e in via del tutto approssimativa, possiamo prevedere i seguenti canoni medi, considerato che i valori a mq cambiano in ragione della zona e della tipologia (tenendo anche presente che i valori dovranno essere aggiornati con quelli stabiliti nell'accordo territoriale che risulterà in vigore al momento della firma del contratto di locazione): 290-320 euro per alloggi fino a 45 metri quadrati, 310-420 euro per alloggi tra 46 e 60 metri quadrati, 380-490 euro per alloggi tra 61 e 70 metri quadrati. I contratti saranno del tipo 4 più 4: alla scadenza dell'ottavo anno saranno verificati nuovamente i requisiti che gli inquilini devono possedere (adeguati ad allora). Se i requisiti permarranno sarà stipulato un ulteriore contratto. Tutte le informazioni utili sono contenute nel bando e nel modulo di domanda, scaricabili da internet all'indirizzo www.comune.fi.it - novità sul server - e distribuiti presso le sedi degli U.R.P. (via dell'Anguillara 2 r, piazza della Liberta' 12, via Tagliamento 4, via delle Torri 23, via Carlo Bini 7, via di Brozzi 46 r); ufficio Espropri e Convenzioni ERP, piazza di Parte Guelfa 3; sedi dei sindacati CONIA ( via Acciaiolo 38/b - Scandicci ), SICET (Via Ricasoli, 30 - Firenze), SUNIA (Piazzale Porta al Prato, 14 - Firenze), UNIAT (via Luigi Alamanni 25), UNIONE INQUILINI (via dei Pilastri, 41/r - Firenze). Le domande dovranno essere inviate o consegnate entro il 24 maggio prossimo, con le modalità indicate nel bando.

 

 

ICI: FERRANTE, 3 PROPOSTE PER ANNULLARLA

 

MILANO, 13 APR - Bruno Ferrante, candidato sindaco a Milano per il centrosinistra, ha lanciato tre proposte per annullare l'Ici sulla prima casa. Per prima cosa - ha detto - e' necessario abbatterla per le

giovani coppie che acquistano la prima casa. Quindi bisognerà tagliarla per coloro che acquistano in box auto e contribuiscono a togliere le macchine dalla strada. Da sindaco, inoltre, proporrò ai proprietari di rivedere i canoni d'affitto in  cambio dell'abbattimento dell'Ici.


Top

Indice Comunicati

Home Page