Back

Indice Comunicati

Home Page

La Generalità apllicherà sanzioni fino a 900

Il Governo catalano (la Generalitat) applicherà sanzioni fino a 900.000 euro per tutti i casi gravi di “mobbing” immobiliario.*

 

Il disegno di legge sul diritto alla casa approvato questa settimana dal governo catalano prevede sanzioni fino a 900.000 euro per tutti quei casi certi e “gravissimi” di molestia immobiliare o “mobbing”, un fenomeno che si stima colpisca più di 10.000 persone in tutta la Catalogna.

 

Il nuovo consigliere all’Ambiente e alla Casa della Generalitat, Francesc Baltasar, ha spiegato oggi, durante un incontro sul mobbing immobiliario, che la legge prevede un sistema di sanzioni per garantire i diritti degli inquilini ed evitare che siano “vessati” subendo pressioni da parte dei proprietari degli immobili perché abbandonino la casa.

 

Nonostante la sua recente eco mediatica, il cosiddetto “mobbing” non è un fenomeno nuovo, sebbene solo in questi ultimi anni abbia acquistato una maggiore risonanza nell’opinione pubblica, nella misura in cui si sono raddoppiati i guadagni nel settore immobiliario e alcuni proprietari degli immobili hanno provato, creandosi intorno un ambiente ostile, a far sì che gli inquilini  lasciassero la casa per potervi così realizzare nuovi affitti o affari più redditizi. 

 

Questo tipo di sopruso, osservabile nella “mancata manutenzione dell’edificio” o “nelle chiamate telefoniche fatte agli inquilini di buon mattino”, avviene soprattutto nei centri storici di molti comuni catalani, dove vive una popolazione più anziana ed indifesa, a volte con un livello culturale o d’istruzione al di sotto della media”, ha commentato il consigliere.

 

“E’ un problema che si sta aggravando, non tanto per intensità quanto per estensione e quindi è necessario intervenire” ha evidenziato Francesc Baltasar, che ha ricordato che il fenomeno non colpisce più solo la città di Barcellona, dove è stato scoperto inizialmente, ma vi sono già casi in città come Sabadell, Terrassa e altri comuni che non appartengono all’ambito metropolitano.

 

L’amministrazione catalana vuole combattere questi abusi, peraltro molto difficili da dimostrare, con la nuova legge sulla casa, la quale prevede un sistema di sanzioni che “in nessun caso possono essere inferiori ai 3000 euro” per colpire questa pratica fraudolenta.

 

Prima di applicare una sanzione, la Generalitat farà un’inchiesta sopra il caso denunciato, discuterà con entrambe le parti coinvolte e dovrà dimostrare che effettivamente si tratti di un caso di abuso immobiliario.



*              Traduzione dall’originale “Generalitat sancionará hasta 900.000 euros casos graves 'mobbing' immobiliario”.

                27 aprile 2006 Cinzia Pacetti e Gabriele Monte, volontari International Alliance of Inhabitants. Maggio 2006.

 


Top

Indice Comunicati

Home Page