Back

Indice Comunicati

Home Page

13


Jakuzia, gli inquilini non vogliono pagare*

Il collasso del’azienda municipale degli alloggi è dietro l’angolo

 

Gli abitanti di Jakutsk non sanno a chi pagare le imposte comunali; questo è quanto ha appurato l’inviato di Kasparov.ru nel corso di una serie di incontri e discussioni con una decina di abitanti della città. Una parte importante della popolazione è addirittura decisa a non pagare l’affitto per niente, poiché è convinta che quei soldi saranno nuovamente rubati.

Julia Prugova, direttrice dell’ERKC - centro unico per i pagamenti, il vice sindaco Valerij Popov, l’assessore all'edilizia Sergej Petrov, il responsabile della tesoreria municipale Elizaveta Nikolajeva e molte altre personalità rappresentanti del municipio di Jakutsk si trovano infatti in regime di custodia cautelare. Le perdite derivanti delle loro attività ammontano a diverse centinaia di milioni di rubli.

Nuovi fatti, del tutto inauditi, si aggiungono a quanto già noto. L’inviato di Kasparov.ru ha scoperto che le mogli di due funzionari municipali di alto livello hanno ottenuto da una banca di Jakutsk crediti pari a 8 milioni di rubli con diritto di estinzione del debito sul conto… dell'ERKC.

L’azienda comunale degli alloggi, discreditatasi per diversi casi di furto, è ormai sull’orlo del collasso. Il governo della repubblica ha dato vita ad un’iniziativa per la creazione di una nuova struttura, l'FRC - centro finanziario per i pagamenti, in seno al quale il governo della repubblica e le autorità comunali sarebbero membri paritari, al fine di raggiungere una maggiore trasparenza nei movimenti dei fondi comunali. Il sindaco di Jakutsk esorta inoltre la popolazione a versare quanto dovuto all'ERKC, spiegando che il debito di questa “cassa” ha raggiunto in pochi mesi i 60 milioni di rubli.

La situazione dell’azienda comunale degli alloggi di Jakutsk è assolutamente caotica. Gli abitanti di Jakutsk boicottano l'ERKC. E anche il ruolo dell'FRC non è del tutto chiaro. In tali condizioni, create dai funzionari stessi, l'ERKC continua ad applicare una penale per il ritardato pagamento degli affitti.

E intanto ci si prepara alla prossima stagione invernale, con il rischio che il riscaldamento venga meno. A Jakutsk, il termometro scende spesso a 50-60 gradi sotto lo zero, e, in un luogo dove il riscaldamento sta acceso per 8 mesi di fila, la catastrofe è incombente. Le imprese comunali, infatti, non ricevono fondi per erogare i propri servizi.

Nel frattempo, il sindaco di Jakutsk attende con grande impazienza l’arrivo del sindaco di Mosca, Jurij Lužkov, in occasione dell'Ysyach, la festa nazionale con cui in Jakuzia si celebra l'inizio dell'estate.

 

Leonid Nikolaev

13.06.2006



* Traduzione dall’originale “Народ не желает платить”. Roberta Tronti, Marta Bevanda,  volontarie  International Alliance of Inhabitants. Giugno  2006.

 


Top

Indice Comunicati

Home Page