Back

Indice Comunicati

Home Page

PONTECAGNANO –FAIANO GLI ALLOGGI COSTRUITI CON I FONDI DEL TERREMOTO”UNA BATTAGLIA TRA POVERI”

UNIONE INQUILINI 
SEDE PROVINCIALE
 DI SALERNO 
VIA PREMUDA 21 
TELEFAX 089/383043
cellulare 380/7062055

                                     COMUNICATO STAMPA

I COMPONENTI DELLE COMMISSIONI PER L’ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI RESIDENZIALI PUBBLICI DELLA PROVINCIA SALERNO.

 

Le risultanze ultime ricavate dagli organismi preposti all’accertamento degli assegnatari iscritti ai sindacati inquilini, al fine di predisporre quanto indicato dall’art. 6 della legge Regionale Campania 14/luglio/1997 n°18 “commissioni per la formulazione della graduatoria “L’associazione sindacale UNIONE INQUILINI nonostante risulti tra i primi posti con un maggioranza relativa con un numero d’iscritti a livello provinciale di grossa rilevanza, non è presente nelle commissioni assegnazione ERP, neppure nell’osservatorio della casa, e neanche nella commissione comunale di Salerno “problematiche abitative” perché? Per questo specifico motivo abbiamo intervistato il segretario provinciale di Salerno dell’unione inquilini Carmine Mignone.

 

Segretario come mai l’organizzazione Provinciale Unione inquilini di Salerno non è presente nelle commissioni provinciali assegnazione degli alloggi popolari di Salerno, nonostante possiede un’ottima rappresentatività rispetto ad altre organizzazioni che pure sono presenti negli stessi organismi rappresentativi, ma con una minore rappresentatività rispetto alla medesima?

 

Vedo con piacere, che qualcuno si sia accorto che a Salerno vi è in maniera netta e scontata una disuguaglianza di rappresentatività e di mancanza di tutela per tutti gli assegnatari ed aspiranti inquilini a livello provinciale. Si, è vero, alcune organizzazioni sindacali con meno iscritti hanno la rappresentanza delle predette commissioni.

 

Come mai c’è questa discriminazione verso la vostra organizzazione?

 

La ragione non è una sola, al primo posto vi è una legge regionale Campania che ragiona in modo illogico e credo anche vergognoso ed offensivo per gli assegnatari e non, e per tutti cittadini di Salerno, i quali da anni subiscono influenze e mortificazioni dalla regione Campania. Visto che, alcune organizzazioni sindacali con un numero anche mortificante d’iscritti sul territorio dell’intera provincia di Salerno con ben 158 comuni si fanno prestare in maniera teorica, ed impropria, iscritti della provincia di Napoli per poter rappresentare la provincia di Salerno. L’ingiusta valutazione, è sempre in atto, alla regione Campania, per le valutazioni, di rappresentatività, degli organismi sindacali, essa, è valutata a livello Regionale, e non provinciale come si dovrebbe. Il criterio adottato poco logico e poco ortodosso, per certi versi e anche barbaro, giustifica in maniera puerile ed antigiuridica, al fine di far incamerare in maniera clientelare e disonesta il gettone di presenza per ogni seduta in commissione organizzazioni che non hanno nessun rapporto con gli assegnatari.

Già nell’anno 2000, cominciò a manifestarsi quanto già oggi è ancora evidente, infatti, con il decreto R.C. n°8196 del 24/11/2000 l’ex assessore Regionale Marco Di Lello costatato, l’annoso problema medesimo tentò di assegnare una delle due commissioni all’unione inquilini, che poi, su ricorso dell’organizzazione più colpita fu sospesa dal TAR Campania cui pende ancora giudizio.

Nella causa di merito al Tribunale amministrativo ancora da fare, proposta all’epoca dall’unione inquilini che cosa succederebbe nel caso d’accoglimento?

La cosa è molto improbabile, per le varie protezioni politiche che pure ci sono, ma se per.

Un puro miracolo per l’imparzialità di qualche giudice, quelli che fanno parte della categoria cosiddetta rara, in altre parole con la spina dorsale retta, accogliendo il ricorso, tutto il lavoro delle commissioni dall’anno 2000 ad oggi diventerebbe nulla per effetto della non presenza dell’unione inquilini nelle attuali commissioni.

 

 La sua valutazione sugli ultimi Presidenti dello IACP provincia di Salerno?

 

Il nuovo si afferma che venga dall’area del sindacato, ma non lo conosco ancora,  non so,se è alto, basso, grasso, o magro, credo pure che, ha iniziato piuttosto maluccio nei confronti della mia organizzazione, sembra, che, abbia convocato tutte le altre organizzazioni sindacali ad eccezione dell’unione inquilini, ritenendola poco rappresentativa, sembra ancora, abbia progettato un piano per il rientro della morosità dell’Ente, e non si è ancora accorto, che c’è qualche sindacato di comodo che possiede il doppio vestito, quando si siede a tavolo delle trattative parla di collaborazione con l’ente.

Viceversa, quanto tratta le relazioni sindacali con gli assegnatari, per i propri fini, invita in maniera scontata e categorica a non pagare il canone di locazione all’ente. Tenendo conto della mia lunga militanza sindacale soprattutto nell’area del comparto casa ed in particolare nello IACP di Salerno ho avuto già modo e ragione di compiere relazioni sindacali con oltre 5 presidenti sostituiti, e tra confronti scontri e programmazioni avvenute, avendo conseguentemente avuto il modo di costatare e di valutare il rendimento degli stessi, oggi con certezza posso affermare un giudizio corretto sul recente sostituito dott. Marcello Grimaldi.

 

Com’è collegato l’unione inquilini a livello provinciale riguardo al rapporto d’iscritti con gli altri sindacati?

Su cinque rappresentanze sindacali presenti, a livello provinciale U. I. E’ collegata tra il terzo posto e la quarta posizione, in ordine di rappresentatività, bisogna, però, anche dire per onor al vero, che diverse se non tante adesioni all’unione inquilini sono state attribuite ad altri sindacati dagli uffici IACP, a volte erroneamente e volte per dimenticanza, ma il ritornello e continuo da tempo, noi contiamo una riduzione del 10/% di deleghe legittime non ancora attribuite all’organizzazione, mentre scontiamo sul territorio non poco, anzi tante, richieste d’assegnatari con la doppia iscrizione, i quali chiedono, da anni, la cancellazione da taluni sindacati, e gli stessi, nonostante il ricevimento della lettera raccomandata prevista, fanno finta di non capire e non cancellano ancora l’avvenuta richiesta. In considerazione di una seria legittima attribuzione delle adesioni, di tutto ciò premesso, il sindacato unione inquilini di Salerno dovrebbe attestarsi tra i primi posti nella rappresentatività in provincia di Salerno.

 

 

                                                                          Il segretario Provinciale U.I.

                                                                             Carmine Mignone

 

 

 

                                                  

 

                                     

 

 

 

 

                  

 

 

                                                   


Top

Indice Comunicati

Home Page