Back

Indice Comunicati

Home Page

Unione Inquilini

Unione Inquilini

Il Segretario Nazionale

 

00184 Roma, Via Cavour 101.

Tel. 06  4745711 – 06 483860 – fax 06 4882374

e.mail: segr.naz@unioneinquilini.itwww.unioneinquilini.it

 

 

Roma, 23 gennaio 2007.

 

COMUNICATO STAMPA

 

SFRATTI: “ IL GOVERNO PRODI NON PUO’ USCIRE DI SCENA LASCIANDO GLI SFRATTATI NELLA DISPERAZIONE. SAREBBE DISPERSO IL LAVORO DI UN ANNO, SERVE UN DECRETO LEGGE DI PROROGA PER IL TEMPO NECESSARIO PER RENDERE EFFETTIVO IL PIANO STRAORDINARIO CASA FINANZIATO CON 550 MILIONI DI EURO “ DICHIARAZIONE DI VINCENZO SIMONI SEGRETARIO NAZIONALE DELL’’UNIONE  INQUILINI

 

Vincenzo Simoni, Segretario Nazionale dell’Unione Inquilini ha rilasciato la seguente dichiarazione: “ Uno spettrale silenzio è sceso sulla condizione delle famiglie composte da anziani, portatori di handicap, con figli a carico o con malati terminali,  con sfratto esecutivo. Eppure dopo anni c’è un piano nazionale straordinario, ci sono i finanziamenti, 550 milioni di euro, sappiamo dove e come saranno realizzati i circa 12.000 alloggi di edilizia pubblica, sappiamo anche che il 70% di questi verranno dal recupero di alloggi vuoti ed in degrado. Tutto bene quindi. No! Perché nel frattempo gli sfratti non sono sospesi e si vive una situazione a macchia di leopardo. Ci sono città con Prefetti sensibili dove sembra che gli sfratti per queste famiglie non si eseguano. Ci sono città dove gli sfratti dal 15 ottobre sono ripresi. Ora ci domandiamo: è mai possibile che una volta che c’è una legge che prevede il passaggio da casa a casa per gli sfrattati, che ci sono i finanziamenti e ci sono i piani, si debba assistere a sfratti forzosi con il passaggio da casa a …….strada? La logica, il buonsenso, la solidarietà e lo sforzo fatto con il piano ci indicano che si debba varare, con decreto legge, una sospensione degli sfratti tecnica per permettere che il piano sia rispondente alle necessità ed evitare che quando le case sono pronte gli sfrattati siano già per strada, ed allora addio passaggio da casa a casa.

Siamo convinti che nel Governo ci siano le sensibilità e le coerenze giuste affinché tra gli ultimi impegni dei pochi consigli dei ministri fissati sia inserito in agenda la discussione  e l’approvazione del decreto legge di sospensiva degli sfratti per tutto il 2008 . In fondo il testo già c’è è il disegno di legge oggi affossato nel dimenticatoio del Senato della Repubblica. Non si tratta di pietire un intervento; si tratta di chiedere al Governo di mettere in pratica almeno una piccola parte di quello che fu il suo programma, cioè di quella parte nella quale si impegnava a rilanciare l’edilizia pubblica e a garantire il passaggio da casa a casa per gli sfrattati. Siamo certi che anche in questi momenti la “maggioranza trasversale” che approvò la legge 9/2007, non sarebbe contraria.   

 

 

Info 347 633.07.23


Top

Indice Comunicati

Home Page