Back

Indice Comunicati

Home Page

Untitled Document

Grande la confusione sotto il cielo, quindi la situazione è eccellente? NO

Il Governo Prodi è caduto dal centro, ovvero i vassallini della neo balenottera bianca
hanno eseguito l'ordine.
Prodi giustamente si è presentato alle Camere e si è sottoposto al voto. Una scelta che va sottolineata e valutata
positivamente.
Detto questo, il Capo dello Stato ha aperto le consultazioni. Allo stato attuale la situazione dovrebbe essere questa:
favorevoli ad un governo variamente denominato - ma sempre di governo di
tratta - pd, verdi, sd, prc, udc, dini, autonomisti, mastella,
socialisti, probabilmente i senatori a vita ed i radicali. Contrari
sostanzialmente Fi, Lega, AN, e fintamente Di Pietro.
Ritengo che il Capo dello Stato non possa che prendere atto che una
"maggioranza parlamentare" ci possa anche essere. Probabilmente si passerà ad un
incarico esplorativo per capire se esistono convergenze minime su una
legge elettorale, questione che non poteva essere approfondita dal Capo
dello Stato.
Gli scenari che si aprono sono i seguenti:

L'incaricato ( il nominativo in questo caso non è importante) ad esplorare
verifica che sussitono tra i favorevoli al nuovo governo sufficienti convergenze
e si passa alla formazione del governo nel quale non è presente il PRC che
da un appoggio esterno.
In questo caso il Parlamento o vota la fiducia e il governo è nel pieno dei
poteri oppure la nega.
In ambedue i casi sarà questo Governo a "gestire" la legge elettorale oppure
la campagna elettorale.
In tale contesto sfugge la logica e la razionalità della scelta del Prc.
Come potrà mai spiegare al suo elettoralato che ha contributo a formare un
Governo senza la sua presenza e che vede il centro che impera con la presenza di
dini, mastella, casini e il neo centrista pd?
Come si può pensare che un governo siffatto con l'esternità del PRC faccia
qualcosa di buono rispetto al governo con PRC dentro a tutti gli effetti?
Misteri della politica.
Si obietterà che l'attuale legge fa schifo, vero. Ma quale sarà la legge
futura?
Quella che il primo partito che arriva si prende alla camera 340 seggi
e gli altri si spartiscono le briciole. Non esiste una legge
elettorale perfetta. I parlamenti perfetti li eleggono gli elettori se
chiamati a fare scelte altrnative e strategiche.
In tale contesto come non sottilineare che la sinistra non è stata capace
neanche di andare dal capo dello stato in una unica formazione.
Vedo in giro poca trasparenza, poca chiarezza e troppo politichese, tutte
armi temibilissime contro la sinistra. Poi se si arriva a votare con Casini,
Dini e Mastella di che dobbiamo parlare più?

Auguri a quelli con il fegato sano e auguri a quelli con il fegato
spappolato ( politicamente parlando, si capisce)

Il Corsaro Rosso



Top

Indice Comunicati

Home Page