Back

Indice Comunicati

Home Page

Proposta di dichiarazione dell’Unione Inquilini a livello nazionale

Proposta di dichiarazione dell’Unione Inquilini a livello nazionale

all’avvio delle riunioni tra le parti sociali

per il rinnovo dei protocolli sui canoni concordati

 

I canoni di locazione devono diminuire

 

La crisi sociale, se investe in modo pesante la maggioranza dei lavoratori dipendenti e dei pensionati, è acutissima per il comparto della popolazione in affitto. Si tratta di una catastrofe che esige una posizione il più possibile unitaria che rigetti - a priori - ogni ipotesi di un ulteriore innalzamento dei livelli dei canoni a canale concordato avanzando invece delle proposte che portino alla loro diminuzione.

 

La questione è serissima non solo per l’impatto nei confronti della contrattazione diffusa e per quello che resta di contrattazione con le grandi proprietà, ma soprattutto per l’impostazione dei canoni di housing sociale e nel processo di revisione, che noi contrastiamo, degli stessi canoni nell’ERP

E’ importante fare chiarezza sulla questione e farlo subito dal momento che quasi dappertutto stanno scadendo i protocolli tra sindacati inquilini e associazioni  della proprietà relativi alla stipula di contratti di locazione a canone concordato e si stanno avviando, convocate dagli assessori con delega alla politica abitativa dei Comuni le prime consultazioni tra le parti sociali.

 

 

Vincenzo Simoni – segretario nazionale

 

 

Roma, 30 gennaio 2008

 

 

 

 


Top

Indice Comunicati

Home Page