Back

Indice Comunicati

Home Page


INTERNATIONAL ALLIANCE OF INHABITANTS

c/o Unione Inquilini, via Bettella, 2/ter - 35133 – Padova – Italy
ph. + 39 049691771- fax + 39 02700415592 e-mail : info@habitants.org - www.habitants.org



***   ***   ***


COMUNICATO STAMPA


LE NAZIONI UNITE: L'ITALIA STA VIOLANDO IL DIRITTO LEGALE ALLA CASA, URGE PROROGA SFRATTI

Alla vigilia del Consiglio dei ministri che ha esaminato la proposta di decreto legge di proroga degli sfratti, è arrivata una missiva urgente del professor Yves Cabannes, coordinatore dell'Advisory Group on Forced Eviction di UN-Habitat (AGFE, il comitato consultivo sugli sfratti) per ricordare a
i ministri competenti la valenza giuridica del diritto alla casa.

Nella missiva, il professor Yves Cabannes sottolinea che, con la ratifica del Patto Internazionale sui diritti Economici, Sociali e Culturali (PIDESC) approvata con L. 881/77, vige l'obbligazione dello stato italiano di provvedere al rispetto di tale diritto, stabilito dall'art. 11 del PIDESC. Perciò "non devono essere attuati sfratti o sgomberi determinati per qualsivoglia ragione, senza rialloggio dignitoso, adeguato e preventivamente concordato."

"Sono fortemente preoccupato per le segnalazioni ricevute riguardo la crescente insicurezza abitativa, che integra gli estremi della
violazione di tale diritto, a cui sono esposte un notevole numero di nuclei famigliari in Italia - afferma Cabannes."
Infatti "scaduta a livello nazionale la moratoria degli sfratti lo scorso 15 ottobre, la ripresa delle esecuzioni non si è trasformata in tragedia grazie al congelamento operato dai prefetti su indicazione del Ministro dell'Interno, oltre che ai provvedimenti di requisizione emanati dalle autorità locali della Capitale. Scaduta il 10 gennaio 2008 anche questa ulteriore dilazione, decine di migliaia di persone sono ora esposte allo sfratto, spesso con l'uso della forza pubblica, ciò che rende ancora più evidenti, gravi e non giustificabili le violazioni del diritto legale alla casa da parte delle istituzioni preposte."

Perciò il coordinatore di AGFE UN-Habitat invita il Governo italiano a tenere presente le severe critiche e le raccomandazioni
rivolte all'Italia dalla 7a e 33a sessione del Comitato ONU sui Diritti Economici, Sociali e Culturali, sottolineando in particolare come la 33a Sessione di tale Comitato “esorta l'Italia a prendere misure effettive per assicurare che gli sfratti dei Rom e degli inquilini che non possono pagare i loro affitti rispettino gli orientamenti stabiliti dal Comitato nel suo Commento Generale n.7 e a costruire più case popolari per soddisfare le necessità dei gruppi svantaggiati ed emarginati, inclusi gli anziani, i disabili ed i migranti.”

Per queste ragioni, considerando che, in generale, le autorità locali non sembrano in grado di far fronte da sole all'attuale emergenza abitativa, il coordinatore di AGFE UN-Habitat esorta il Governo italiano all'immediato rispetto della normativa internazionale sui diritti invitandolo ad approvare con urgenza una norma di moratoria degli sfratti e sgomberi di tutte le persone non in grado di reperire autonomamente un'abitazione dignitosa, incluse quelle morose in buona fede a causa di difficoltà economiche accertate.

Il coordinatore conclude offrendo la propria disponibilità a partecipare a una missione ad hoc.

Non c'è che dire: si tratta di un autorevole e severo richiamo al rispetto  della legalità violata in materia di diritti riconosciuti, di cui il governo e tutto il parlamento italiano dovrà tenere conto.
Con urgenza.

in allegato:

4/2/08

***   ***   ***

Top

Indice Comunicati

Home Page