Back

Indice Comunicati

Home Page

Untitled Document 07.07.08. Altre notizie casa sul Dpef e dichiarzioni di A. Di Pietro su
piano casa.

Roma, 7 lug. - "Con le solite misure emergenziali e propagandistiche
l'Esecutivo si dice pronto ad affrontare il problema casa per decreto.
Si profila un provvedimento confuso, privo di risorse che prevede
strumenti inappropriati per risolvere l'emergenza abitativa delle
famiglie italiane". Lo afferma Andrea Martella, ministro delle
infrastrutture del governo ombra del Pd. "I fatti sono che ad oggi -
osserva l'esponente del Pd - anche il Dpef contiene un generico
capitolo definito 'piano casa' dal quale emergono indicazioni vaghe e
senza alcuna programmazione delle risorse necessarie e che nella
manovra economica, all'attenzione del Parlamento, si prevede un
utilizzo oscuro di 550 milioni di euro già stanziati dal precedente
governo. Gli interventi previsti, tutti da verificare oltre che nelle
risorse anche nei tempi di attuazione, non aiuteranno le
categorie
svantaggiate che pagano gli affitti e hanno bisogno di un supporto
economico immediato". "Oltre a rilanciare i programmi di edilizia
residenziale pubblica, i progetti di social housing - prosegue Martella
- e' importante prevedere e valorizzare i contratti di quartiere e
soprattutto misure fiscali per favorire le locazioni. Sono misure
semplici, di grande efficacia e con costi ridotti che tra l'altro sono
gia' oggetto di accordi tra Stato, Regioni e Comuni. In proposito -
conclude - vorremmo sapere cosa ne pensa la Lega di un provvedimento
che e' l'esatto contrario del federalismo fiscale e che di fatto
espropria le competenze di Regioni e Comuni in questo settore".

TRIESTE, 7 LUG - Antonio Di Pietro approva l'inserimento del 'Piano
casa' all'interno della prossima Finanziaria e annuncia il sostegno
dell'Italia dei Valori per la sua approvazione. Lo ha detto oggi a
Trieste, nel corso di un incontro del proprio partito. ''Vedo che
Tremonti - ha sottolineato Di Pietro - ha inserito nella manovra il
Piano casa che noi avevamo realizzato grazie al tavolo comune con
sindacati, proprietari e comuni. Non abbiamo preconcetti e aiuteremo a
far passare quella manovra perché - ha aggiunto - sappiamo come
fare''. Di Pietro ha però ammonito che ''se ci saranno altre cose
come ad esempio il ritorno degli arbitrati nelle controversie tra
pubblico e privato - ha concluso - ci impegneremo per farli togliere di
mezzo''.

Roma, 07 LUG L'Ater del Comune di Roma, come aveva
preannunciato, ha aggiudicato la gara per il servizio provvisorio di
manutenzione ascensori alle società Siar e Paravia, raccomandando alle
stesse l'immediata riattivazione del servizio. Si procederà, dunque, al
ripristino di tutti quegli impianti rimasti fermi a causa del mancato
rinnovamento del contratto di manutenzione imposto dal pignoramento dei
conti dell'Azienda. Con la sigla dell'accordo di venerdì scorso tra
Regione, Comune e Ater, l'azienda ritorna ad avere la disponibilità
economica per far fronte alle esigenze dei propri inquilini. "Chiunque
conosca il diritto - commenta il presidente dell'Ater di Roma, Luca
Petrucci – deve riconoscere che l'azienda non poteva comportarsi in
modo diverso senza commettere un illecito. Ma questo non e' il momento
delle polemiche. È nostro dovere tornare immediatamente al lavoro per
aggiudicare le gare per la manutenzione ordinaria e straordinaria e
continuare, con grande determinazione, le attività di dismissione".



Top

Indice Comunicati

Home Page