Back

Indice Comunicati

Home Page

VOGLIAMO DIRITTI PER GLI SFRATTATI

VOGLIAMO DIRITTI PER GLI SFRATTATI

 

In questi anni, troppe famiglie, troppi giovani precari, sono strangolati dalla morsa della morosità nel pagamento degli affitti. Ormai più di 60 sfratti ogni due mesi a Livorno sono per morosità. Questa emergenza sociale non è possibile ridurla ad un furbesco tentativo di non voler più pagare l’affitto, come affermano molti irresponsabili amministratori cittadini. Tale situazione, presente su tutto il territorio nazionale, non può più essere trattata con strumenti tampone o, peggio ancora, improvvisati per alcuni “fortunati” casi. L’attuale governo, inoltre, ha ulteriormente peggiorato la situazione generale prorogando la legge “blocca-sfratti” dello scorso anno (riguardante solo le finite locazioni), solamente per le aree metropolitane. Il che vuol dire che Livorno non è compresa in questa proroga, facendo cadere nel baratro del rischio concreto di finire in mezzo di strada anche gli sfrattati per finita locazione.

Abbiamo bisogno di risposte strutturali, che modifichino le politiche di sostegno abitativo per le fasce più deboli. Tutto prima che la attuale crisi economica colpisca la maggioranza delle persone, col rischio che i morosi diventino un numero troppo grande per essere gestito.

Le soluzioni esistono, manca la volontà politica di applicarle.

Per questo il Comitato di lotta per la casa “SenzaDimora” vuole costruire una giornata di protesta che sappia dar voce a tutti gli sfrattati presenti in città, invitando tutti gli interessati a partecipare alle nostre assemblee per organizzare un forte e deciso presidio di lotta.

 

Vieni all’assemblea del comitato tutti i mercoledì, ore 17, in Via Pieroni 27, uniamo le nostre voci per farci sentire meglio. Soltanto insieme possiamo far valere i nostri diritti.

 

·        Per  l’aggiornamento dei criteri di assegnazione delle case popolari.

·        Per l’utilizzo a scopo abitativo delle ex caserme Bagna e Dal Fante, lasciate vergognosamente all’abbandono dalle istituzioni.

·        Per il recupero del complesso di case popolari in Via della Padula, da destinare all’emergenza sfratti.

·        Per il blocco immediato della vendita di alloggi pubblici.

·        Per l’attuazione di strumenti di calmierazione degli affitti privati, perché non si può più pagare una casa 700-800 euro (in media).

 

Tutto ciò deve essere fatto ORA e non in tempi biblici. Unisciti a noi nel chiederlo, perché non è più il tempo di aspettare.

Comitato di lotta x la casa “SenzaDimora”per contatti: 3339915495; 3495295306


Top

Indice Comunicati

Home Page