Contattaci Rss

La ciofeca a proposito di Vendite Enasarco e Ruolo sindacale


Ciofeca...

ciofèca (o ciufèca) s. f. [di etimo incerto, forse dallo spagn. chufa «mandorla per fare un’orzata»], roman. – Bevanda di sapore cattivo: altro che caffè lungo, questa è una ciofeca.(Treccani).

… perché  lo scoop dell’on. Roberta Lombardi non è una cosa seria!

Guido Lanciano assiste centinaia di inquilini Enasarco, costretti a comprare l’alloggio, perché l’Ente che è nei guai deve far cassa; il percorso stabilito prevedeva che il prezzo fosse determinato tra il valore minimo e il valore medio dell'agenzia del territorio ( non da prezzi di agenzie immobiliari) al valore così determinato si sarebbe applicato il 37 per cento di sconto e questo a valere per tutti gli inquilini.

Non si contratta oltre.

In questo caso la maggioranza iscritta all’Unione Inquilini si fa assistere da uno dei “nostri” legali: Guido Lanciano; tra gli inquilini c’è anche il signor Brunetto Boco (pezzo grosso dell’Ente). Per partecipare all’acquisto si deve aggregare agli altri inquilini.

Il rogito viene perfezionato; il costo per l’assistenza è quello applicato per tutti gli altri: 250 euro più IVA.. Il signor Boco tesserato ad altro sindacato non si ovviamente tesserato all’Unione Inquilini.

Duecento e cinquanta euro più Iva! E’ tanto o è poco? Si informi la Roberta Lombardi  su quel che gira nell’andazzo delle vendite degli altri Enti !

Ah! Le valutazioni dell’alloggio sono congrue o incongrue? Se ne può discutere ma - purtroppo – la competenza esula dai nostri poteri sindacali.

Magari lo fosse!

Perché le condizioni sarebbero ancora migliori per tanta gente onesta e laboriosa.  

Qui finisce per noi questa assurda vicenda.

Il resto, mutui, tassi, contanti, Bnl, Patrimgest ed altro ancora, non ci riguarda.

PS: di seguito integrale l’intervento dell’On Lombardi.

Altri allegati:tre interventi di Massimo Pasquini.

 

La redazione di www.unioneinquilini.it – 11 aprile 2016.



 

http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/2016/04/enasarco-il-presidente-vende-le-case-a-prezzi-stracciati-a-chi-a-se-stesso.html

Scoop M5S: il presidente di Enasarco vende le case a prezzi stracciati. A chi? A se stesso!

Il presidente della Fondazione Enasarco, Brunetto Boco, nell'ottobre del 2014 vende all'inquilino Brunetto Boco un immobile di gran pregio, sette vani con terrazzo più garage, nei pressi di Villa Torlonia, a Roma, a un prezzo che definire d'occasione è dire poco: 420mila euro. Per dare l'idea, stiamo parlando di un immobile che a valori di mercato difficilmente può costare meno di un milione di euro (e ci teniamo prudenti).

Il M5S lo ha scoperto entrando in possesso del rogito notarile con cui è stata regolata l'operazione. Compravendita che rende in modo plastico il conflitto di interessi del primo responsabile della più grande cassa previdenziale privatizzata del Paese a livello di patrimonio (7,5 miliardi), il quale dismette verso se stesso, con condizioni di particolare favore, un asset immobiliare, uno dei tanti che Enasarco sta cedendo, nell'ambito del "Progetto Mercurio", per alzare i livelli di liquidità e, soprattutto, per coprire i buchi della gestione finanziaria, fatta di tanti investimenti speculativi e, appunto, illiquidi.

Dall'atto notarile, però, il M5S ha tratto pure la prova concreta del rapporto incestuoso tra Enasarco e l'Unione inquilini, il sindacato che dovrebbe difendere la controparte: ossia i cittadini che esercitano il diritto di prelazione rispetto alla vendita degli immobili dell'ente previdenziale degli agenti di commercio. Guido Lanciano, il segretario provinciale e tesoriere dell'Ui, infatti, appare nel rogito quale procuratore speciale di Boco per l'acquisto della casa a prezzi stracciati, laddove gli inquilini "normali", senza amici importanti, comprano a prezzi di mercato case spesso fatiscenti e mal tenute. Inoltre, Boco ha acquistato in breve tempo due immobili dalla "sua" Enasarco: uno a Roma e uno a Milano. Nessun inquilino normale ha diritto a due prelazioni.
Anche Sandro Tibaldeschi, dirigente Enasarco che nell'atto appare quale procuratore speciale di chi vende, è stato scelto per questa funzione da Boco. In più, la Bnl, guarda caso la banca che ha vinto la gara pubblica per i mutui agevolati che avrebbe dovuto concedere agli inquilini normali (mai erogati), è anche la banca che emette gli assegni per far comprare casa al presidente della Fondazione Enasarco.

A questo punto ci chiediamo:
1) Qual è il prezzo base di prelazione dell'immobile di via Bosio 13, a due passi da Villa Torlonia?
2) Boco ha acquistato col mutuo o in contanti?
3) Nel caso di accensione di un mutuo Bnl, a che tasso?
4) Cosa diceva la perizia del terzo indipendente (di norma Patrigest) relativa all'appartamento?
5) Come mai nella procura che Boco firma in favore di Lanciano non c'è l'obbligo di rinunciare alla garanzia sui vizi occulti, obbligo imposto agli inquilini normali?
6) Quanto è stato pagato per il servizio reso da Lanciano, visto che di norma i sindacati, e in particolare lo stesso Lanciano, per fare il mandato collettivo chiedono ai titolari di prelazione "normali" 300 euro a persona, tessera al sindacato compresa?

Vediamo se arriveranno delle risposte. Vi terremo aggiornati.

http://www.beppegrillo.it/movimento/parlamento/author/m5s-camera-news/

 




Data notizia11.04.2016

Tessera 2018

5 x mille
Appuntamenti
Viva il 900.
La nostra bandiera della pace.