Contattaci Rss

Cuneo: Comunicato da sportello casa - unione inquilini cuneo


 

COMUNICATO STAMPA - Cuneo - 21 giugno 2016

Ieri sera abbiamo partecipato alla discussione in Consiglio Comunale dell’Ordine del Giorno presentato su nostra sollecitazione dai Consiglieri Fierro e Garelli che chiedeva al sindaco di Cuneo un atto di coraggio: la requisizione a tempo dei 18 alloggi del Palazzo Uffici Finanziari per fini abitativi sociali.
La requisizione, prevista dalla legge (Testo Unico del 2.000,) già applicata in altre città d’Italia per finalità di emergenza abitativa, non è stata votata dal Consiglio Comunale di Cuneo, o meglio, i Consiglieri che sostengono il Sindaco Borgna hanno tentato di snaturare il succo dell’Ordine del Giorno tramutando la richiesta di requisizione nel solito brodo allungato per continuare, al di là di belle parole, a non far nulla di concreto per risolvere questa vergogna, testimoniando così l’incapacità di questa politica cittadina di risolvere i problemi veri.
In questo contesto l’Ordine del Giorno è stato giustamente ritirato dai Consiglieri proponenti onde evitare che venisse snaturato dal tipico giochino di votare un emendamento per cambiare il senso della proposta.
Assordante il silenzio del Sindaco di Cuneo che a fronte delle roboanti prese di posizione a favore di una soluzione positiva dello scandalo alloggi del Palazzo Uffici Finanziari ha fatto la parte della scimmietta muta. Si conclude così la storia consiliare della battaglia sul PUF: permangono le ragioni di un utilizzo sociale a scopo abitativo, in una città ove gli sfratti per morosità incolpevole aumentano vertiginosamente, quindi la campagna che dura da anni per “liberare il PUF” ritorna nell’ambito della conflittualità sociale.
Lo Sportello Casa-Unione Inquilini di Cuneo, via Saluzzo 28.



Data notizia22.06.2016

Tessera 2017

5 x mille
Viva il 900.
La nostra bandiera della pace.