Contattaci Rss

Guerra USA contro il resto del mondo?


E’ tutto molto chiaro. Per gli USA, a prescindere da Trump, è intollerabile il declassamento da unica superpotenza economica a “ primus inter pares”: tutto qui? No. Il declassamento non si estende alla sua potenza militare che ancora primeggia e che ritiene di usare per risalire.  Se al posto di Trump c’era Hillary lo schema non  sarebbe minimamente cambiato.

Prima di passare ai fatti di queste ore, vorrei rifarmi al cosiddetto “incidente del Tonchino” ( in  http://www.storiain.net/storia/tonchino-1964-il-casus-belli-per-lintervento-usa-in-vietnam/). Per la teoria del Domino (https://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_del_domino) se cadeva il Vietnam sarebbe subito dopo toccato alle Filippine e all’Indonesia, con gli USA ricacciati dal Pacifico. Sappiamo che la storia è stata diversa, il comunismo di allora è scomparso come asse strategico globale, e il mondo intero nel nuovo millennio si è destrutturato da unipolare a multipolare.

In queste ore i missili Tomahawk  danno la sveglia al presidente cinese che  s’incontra  a Miami con Trump: tutto si tiene per prevenire un blocco difensivo/offensivo tra Cina e Russia. Intimidazioni e ammorbidimenti in un unico disegno teso a ribadire la subalternità di tutto il mondo all’impero americano. Questa è “America first”: mettere all’indietro le lancette della storia.

Tutto questo per interrompere un processo mondiale che non si è completamente dispiegato, con l’UE e la Nato svillaneggiate, a battergli le mani gli australiani, tra poche ore Downing Street, con Israele che ha subito esultato.

E noi italiani? Lasciamo perdere. Missili intelligenti, atto dimostrativo, appello all’ONU, Gasparri comprensivo (che altro poteva fare Trump?!). Che passi la nottata.

Dicevo del falso incidente del Tonchino. La strage siriana non è un falso, è orrenda. Si cerca ancora di ragionare: “Era interesse di Assad usare i gas tossici, mentre stava vincendo?”. Ma la ragione nei talk show di questa mattina viene neutralizzata.

Ormai siamo oltre: i civili, i bambini, le ustioni, il soffocamento compongono uno schema disumano, freddissimo, determinato. Ma il tempo, mister Trump, non si sta fermando. Anzi, se ti fermi e dovrai fermarti, avrai comunque allarmato il resto del mondo; cinesi, russi, europei avranno capito dove ci vuol portare e lo strappo sarà lacerante.   Per gli USA sarà ancora peggio.

 

V.S.  7 aprile 2017.




Data notizia07.04.2017

Notizie correlate
Tessera 2018

5 x mille
Dalle Sedi
23.02.2018 - Firenze:  ore 21 circolo arci Via delle Porte nuove 33, Firenze: Casa, emergenza sociale, anche in Toscana. 23.02.2018 - Roma:  Unione Inquilini Primavalle: i candidati della Regione Lazio a confronto sulle politiche abitative - venerdì 23 febbraio 2018 ore 17 . piazza S. Zaccaria Papa, Primavalle. 17.02.2018 - Sesto San Giovanni:  "Costituzione, nessuno escluso": presso la Casa Rossa Rossa, in Via Sacco e Vanzetti. 17.02.2018 - Roma:  ore 15.30. - incontro promosso da UI Roma e Lazio con i candidati alle elezioni regionali. Via Tor de Schiavi 101 - Roma 06.02.2018 - Firenze:  Case popolari, il Tar stoppa il Comune: no alla vendita degli alloggi in via dei Pepi 01.02.2018 - Milano:  comunicato stampa unitario sul mancato rinnovo da parte del Comune di Milano dell’ accordo del 2012 che riduceva gli affitti nelle case comunali e manteneva il contributo sulle spese di 5,16 euro al metro quadro all’anno ( appartamento 50 metri contributo annuo di 5,16 x 50) per gli inquilini della area più bassa. Si tratta di circa 25000 inquilini interessati 31.01.2018 - Firenze:  Incontri e note UI Firenze sui numeri del dramma casa, lavoro, emarginazione. La svolta necessaria da dove verrà? 25.01.2018 - Roma:  Comunicato stampa della federazione romana dell’Unione Inquilini in merito all’acclarato ufficialmente fallimento del bando per la ricerca di 800 alloggi per la fuoriuscita delle famiglie dai CAAT ( ovvero i residence che costano 30 milioni l’anno)
Viva il 900.
La nostra bandiera della pace.