Contattaci Rss

Firenze: Comunicato top da NOTAVFIRENZE - Tunnel TAV: Ceccarelli e la giunta regionale scoprono che i problemi sono sulle linee; ma è troppo tardi...


COMUNICATO STAMPA


Firenze, 4 ottobre 2018

Tunnel TAV: Ceccarelli e la giunta regionale scoprono che i problemi sono sulle linee; ma è troppo tardi

Il Comitato No Tunnel TAV di Firenze legge le dichiarazioni dell’assessore regionale Vincenzo Ceccarelli in cui si chiede di riaprire i cantieri del sottoattraversamento “per liberare Santa Maria Novella” in favore dei treni pendolari e contemporaneamente fare un raddoppio dei binari della Direttissima che dal Valdarno arrivano a Firenze.
Il Comitato nota con piacere che, dopo 12 anni in cui ha predicato che i veri problemi di traffico ferroviario non sono nel nodo fiorentino, ma nelle linee occupate dai treni AV, anche in Regione si è scoperta l’acqua calda. Meglio tardi che mai?
Resta un fastidio nel vedere queste piroette concettuali nella non-pianificazione dei trasporti. Bisogna fare uno sforzo di memoria e tornare agli anni ‘90 quando esisteva un progetto di raddoppio della galleria dal Valdarno che arrivava sotto Firenze (senza danneggiare edifici e tagliare perpendicolarmente la falda) proprio in corrispondenza della stazione di Santa Maria Novella, che sarebbe diventata così una stazione a due piani: in superficie i treni locali e in sotterranea i treni a lunga percorrenza.
Questa razionale soluzione era vista soprattutto in funzione di liberare i binari di superficie per l’introduzione del TRENO METROPOLITANO; aveva anche il vantaggio di mantenere la centralità e l'UNICITÀ della stazione di Santa Maria Novella. Questa razionale soluzione fu abbandonata perché ritenuta troppo costosa.
Adesso, dopo 10 anni di cantieri TAV aperti e fermi, con costi fuori controllo (valore dell’appalto eseguito meno di 300 milioni, extracosti relativi oltre 500 milioni, più tutti i lavori accessori), con problemi irrisolti per le terre di scavo, con ben due grosse società di costruzioni fallite, si rispolvera un progetto antico senza cancellare quello iniziato.
I due progetti sono in alternativa! Forse l’assessore Ceccarelli non conosce questa banale verità? Ritornare oggi con due progetti abborracciati, CONFLITTUALI e senza NESSUNA PIANIFICAZIONE non fa bene alla credibilità così compromessa della maggioranza in Regione. Ma tanto si confida sempre nella smemoratezza dei cittadini, docilmente condotti, di progetto fallito in progetto fallito, a sperperare le risorse pubbliche che sarebbero patrimonio di tutti.
Se, dopo la scoperta dell’acqua calda, in Regione si volesse tornare a una razionale pianificazione bisognerebbe buttare via tutto quello che si è fatto di sbagliato fin’ora e ricominciare da zero. Un bel bilancio per chi ha condotto i giochi fino ad oggi.
Ma sorge anche il dubbio che, ora che non c’è più un governo amico generoso con le follie infrastrutturali toscane, ci si possa sbizzarrire in sghiribizzi fantasiosi, tanto per attaccare l’avversario. Da parte sua il Comitato No Tunnel TAV di Firenze ha imparato, anche dai Valsusini, che non ci sono governi amici.

Comitato No Tunnel TAV Firenze



Data notizia05.10.2018

Notizie correlate
Tessera 2018

5 x mille
Appuntamenti
Viva il 900.
La nostra bandiera della pace.