Contattaci Rss

Imbroglio/crisi e le zecche!


Imbroglio/crisi e le zecche!

Sfila l’elenco:

Paese al disastro, bloccato, solo dei no, un fallimento totale, isolato, lo conferma lo Svimez, la Luiss, la Bocconi, l’Istat, il Corriere, La Stampa, La Repubblica, Il Messaggero. i sondaggi …

Gente che s’aggira sperduta o con la bava alla bocca, mani sudate, s’affaccia urlando, sgozza, investe, sparacchia. Ha da venì il raddrizzatore. Tutto fasullo.

L’altro ieri stavo scrivendo qualcosa che mi era parso, stamani, un po’ sfasato e che invece copio-incollo. Le zecche.Mignatte e larve, oppure Iene, sciacalli ed avvoltoi. E i serpenti allora? La natura cacciata veniva raccontata nel film: “Ultime grida dalla savana”. Altro che convivenza! E allora come difendersi? Come i bufali che non rompono i zibidei a nessun altro animale. Ma sono bufali non agnellini. Fedro con degli apologhi provava a raccontarci; vorrei, e non so se farcela, riprovarci con la cronaca politica di questi giorni.

E’ chiaro? Che l’Italia non vuole essere choccata: richiede invece un dosaggio ininterrotto e questo però va spiegato da chi ci sta provando: non con frasi banali….”pensiamo agli Italiani” o con la tiritera sul numero dei parlamentari! Chi ci vive tra il popolo, tra chi s’arrabatta, tra chi ce la fa e non s’ingozza sa delle  tiritere sulla mancata crescita, e che il presente non solo europeo è l’assestamento. E che bisogna tamponare .

Crisi di governo per che cosa? Refrain concorrenziali con la licenza di scacazzare.

Da rigettare!

 

9 agosto 2019




Data notizia09.08.2019

Notizie correlate
Tessera 2017

5 x mille
Appuntamenti
Viva il 900.
La nostra bandiera della pace.