Contattaci Rss

Sardine, il nuovo stile di piazza che spaventa Salvini E sui social il segretario della Lega si difende con i gattini Francesco Merlo (Repubblica, 20 novembre 2019)


Francesco Merlo (Repubblica, 20 novembre 2019)

Le sardine fanno paura a Salvini perché sono la sinistra che finalmente non fa paura.

Ed è emozionante il contagio, da Bologna sino a Palermo, di questo dolce stil novo di piazza che disorienta, e non solo Salvini, proprio perché non minaccia scontri e barricate. Le sardine spaventano Salvini perché non fanno spavento, non gridano "Salvini carogna / ritorna nella fogna", non lanciano uova e scaracchi e non nascondono dentro di sé i black block che, con il cappuccio calato sul viso, sono stati i raggi gamma, il nutrimento che ha contribuito a trasformare il rustico e ruvido epigono del nativismo razzista di Bossi e Maroni nell'incredibile Hulk della destra italiana. Piccole e maltrattate in cucina, dove mia nonna che adorava le acciughe le destinava al gatto o le gettava nell'immondizia, le sardine in mare, e ora anche in piazza, avanzano invece compatte, solidali e unite, che sono i tre aggettivi di cui va in cerca la sinistra perché sono l'anima smarrita dei suoi valori. E stordiscono il predatore perché tutte insieme diventano un organismo solo, "il banco", più grande di una balena. E infatti i pescatori, già ai tempi di Aristotele, raccontavano la meraviglia delle albe, quando le sardine luccicando si aprono a ventaglio, e gli incanti lunari in cui si addensano e le loro ombre ingigantiscono. Ma le sardine non hanno altre armi che il numero e i sensibilissimi sensori che, studiati dai neurobiologi, somigliano sia alla coscienza collettiva di Marx, sia ai Radar e ai Sonar che permisero a Churchill di respingere l'invasione nazista: "We shall never surrender. Noi non ci arrenderemo mai". E intonano "Bella ciao", che è il canto laico della liberazione e della concordia repubblicana, con la  compostezza dei coristi dei college di Cambridge. Nessun professore comunista li dirige quando mixano "e ho trovato l'invasor" al silenzio, che in piazza non è mancanza di suoni, ma assenza di slogan. Ed è davvero una novità la massa silenziosa, tutti per strada senza fare adunata, anche quelli che non amano la folla, "stipati come sardine", stretti stretti senza mai scontrarsi, vicinissimi ma senza toccarsi, come i legni nel camino di Alessandro Manzoni, per dar fuoco al nuovo bisogno italiano di opposizione e di saggezza, di protesta e di non violenza, di solidarietà "sotto l'ombra di un bel fior": un fiore di montagna come educazione civica, e le sardine di mare come l'universo perfetto che si difende senza aggredire e usa gli ombrelli solo come ripari e mai come bastoni. E difatti in pochi giorni le sardine hanno realizzato quello che a nessun altro era riuscito in tutti questi anni in cui la sinistra è stata a rischio di estinzione. Anche la rete e i social hanno perso la bava della lapidazione e la piazza, in un certo senso, si è organizzata da sola, senza neppure gli artisti intellettuali dei girotondi, i professori e i registi che sono ormai anche loro segnati dall'aggressività biochimica, creatori di cattivi pensieri. Le sardine sono arrivate con Facebook, rapide come la necessità e l'istinto, e infatti non hanno - ancora? - leader proprio come i ragazzi del clima, Fridays for future, che hanno inventato la piazza che non è più la piazza dove "si scende", non è più la piazza dello scontro, la piazza-tribunale del popolo, la piazza-plotone della demagogia. E le sardine di mare sono anche l'epopea della specie e dunque della collettività che protegge l'individuo.

E infatti Salvini, che sui social pubblica la foto di un gatto che mangia la sarda ("che cosa c'è di più bello?") è in realtà atterrito dal numero: "ci sono più sarde che gatti" recita una delle tante barzellette dell'Europa orientale sulle sardine. Come il predatore predato, raccontato dallo storico dell'Australia Robert Hughes ("La filosofia delle sardine" è la stramba traduzione del suo libro sulla pesca "A jerk on one end"),

Salvini è sconvolto dal "banco", dall'esercito senza armi. Perciò ancora cerca i vecchi compari che riconosceva suoi eguali e contrari. E sta provando a scalmanare le sardine. Le reinventa minacciose, dice che una sardina gli ha promesso una pallottola, passa a setaccio i social per scovare la gaglioffa.

E' sempre stato bravo ad eccitare la claque fanatica che da Marsala a Torino, da Bari a Bologna gli ha dato vita promettendogli la morte e soprattutto gli ha permesso di recitare la parte del politico imbavagliato, del liberale che i pirati e gli estremisti di sinistra non fanno neppure parlare. E infatti a Modena, quando ha visto tutti quegli ombrelli, si è chiuso in un teatro sperando che i soliti squinternati della violenza venissero a stanarlo. Da cronista lo ricordo bene su un palco di Massa, quando si compiaceva e gongolava perché era riuscito a provocare la reazione violenta degli sbandati dei centri sociali e degli anarchici che infiltravano tra i contestatori non professionisti i loro compagni più nerboruti. Nel lento successo di questo  gabbamondo estremista c'è anche questo, che gli eredi della contestazione di massa, della disobbedienza politica, della sinistra di strada, estremisti ma pur sempre raffinati e colti, lo hanno trattato come i no global trattavano le multinazionali, come gli indiani metropolitani trattavano l'Amerika, come la Pantera trattò la Dc. Salvini non tollera che a contestarlo in piazza non siano più quegli antagonisti, quei ribelli, quei rivoluzionari che trasformavano i suoi stolti comizi in eventi, con auto blindate, fumo, sirene, manganelli, elicotteri che volavano basso... In mezzo alle sardine non si muove più come un Supereroe. E il viso lo rivela più delle parole. Non può più raccontare "ho preso persino uno sputo in faccia" come gli sentii dire con il tono spavaldo e il ghigno soddisfatto di chi, allora, stava vincendo alla lotteria della politica.

Il fascino e la forza delle sardine è "La comunità che viene" (Bollati Boringhieri) del filosofo Giorgio Agamben, la comunità senza aggettivi e senza capi, una forza non più (non ancora?) affidata al vento astrofisico di una bandiera, ai colori di una maglia,alle pietre da lanciare, a un dio, a un imam, a un partito, a una piattaforma su Internet, a un comico spernacchiatore. Ma solo al più povero dei pesci, che nella pasta viene seppellito sotto mille sapori di terra, dal finocchietto selvatico alla mandorla all'uvetta..., e in mare diventa invece colonia dove tutti si moltiplicano, ciascuno seguendo la propria personale corsa verso l'insieme.

 E nel "banco", che vince sempre come al casinò, ciascuna sardina ha lo stesso pensiero, che da Bologna a Palermo ora si legge come un'insegna luminosa, un pensiero che è bisogno di sinistra, bisogno di "fare il pallone" come i pesci d'oro di De André che luccicano perché sono stelle e tutti le vorrebbero pescare.




Data notizia21.11.2019

Notizie correlate
Tessera 2020

5 x mille
Appuntamenti
Viva il 900.
La nostra bandiera della pace.